Chi siamo


 LA STORIA

Spesso le cose belle, quelle che cambiano la vita, accadono quando meno te le aspetti e nella modalità che non avevi previsto: basta esser in attesa, col cuore spalancato alla fantasia del Signore che irrompe la dove c’è qualcuno desideroso di vivere dentro un’appartenenza reale fatta di carne, volti e incontri sempre nuovi.
Questo è quanto è accaduto a Francesco e Eva che nel lontano 2007, circa 10 anni dopo il “si” nuziale, ben lontani dall’immaginare che piega stava per prendere la vita, si recano a una vacanza con altre famiglie all’interno delle quali sono presenti anche tre case famiglia.
L’impatto è immediato e subito appare evidente un fascino, un’attrazione per qualcosa di bello che si fa palese. L’esperienza dell’accoglienza gratuita, che si manifesta con grande semplicità davanti ai loro occhi, si trasforma nel desiderio di guardare il figlio – da poco arrivato – e il quotidiano, con lo stesso sguardo.
Dopo un anno da questa prima intuizione, grazie all’amicizia con le coppie delle altre case famiglia che si è fatta compagnia stringente, giunge la proposta di accogliere G. di due anni e così la vita si trasforma nuovamente.
Grazie a una presa di coscienza ancora più chiara e alla ricchezza di umanità che travolge le giornate, Francesco e Eva si trovano a dire un nuovo si e dopo tre anni, dal ritorno di bellezza e dall’amicizia con chi condivide il cammino, decidono di costituire la Casa Famiglia “l’Albero” in associazione con la Casa Famiglia “Il Cortile” realizzando questa opera all’interno di un grande appartamento di proprietà.

 LA STRUTTURA

L’appartamento che ospita la casa famiglia è composto da tre camere per i bambini con sei posti letto, la camera matrimoniale, la lavanderia, la cucina e un’ampia sala da soggiorno. Una grande terrazza “vista mare” che si affaccia davanti al promontorio di Imperia Porto Maurizio e spazia fino all’estremità orientale della città, e il cortile sotto casa, rappresentano due splendidi polmoni nei quali i bambini possono giocare in tranquillità. La cura dei dettagli, i quadri, i colori, le decorazioni, l’arredamento sobrio e moderno imprime quel tocco che rende la casa un vero luogo di accoglienza per chiunque.

 LA FORMA GIURIDICA

L’Albero è una Casa Famiglia per minorenni così definita dalla recente normativa regionale con il DGR nr. 535 del 27/03/2015: “[…] luoghi di accoglienza organizzati intorno ad una famiglia, che svolge tale servizio con professionalità e che è stata valutata idonea all’affido da parte dell’equipe affido competente.
La professionalità è rappresentata dallo stile di lavoro in equipe e con i Servizi, dalla supervisione e formazione dal punto di vista psicologico ed educativo, dall’utilizzo di strumenti di osservazione e di aggiornamento scritto, dalla collaborazione con l’educatore che opera stabilmente nella stessa (in possesso dei requisiti di cui al Titolo I).”
Il numero dei minorenni accolti è non superiore a cinque, compreso le due bambine in affido presso la coppia genitoriale della casa famiglia che sono da riconsiderare come inserimenti in casa famiglia.

 

   

La Casa Famiglia L’Albero aderisce alle Associazioni Dimore per Accoglienza” e Cofamili” grazie alle quali è stato possibile mettersi in rete con altre case famiglia